lunedì 7 settembre 2015


Tortino al risotto vegetariano
La sera prima della partita la passo a casa dopo un sabato pomeriggio contraddistinto da tanti acquisti per il mio locale e per avere qualche cosa da mangiare a casa la domenica.
Preparo un tortino di Chicorée, risotto vegetariano e ricotta per Karolina che tra poco arriverá a casa dopo una dura giornata di lavoro all'Internationale Funkausstellung Berlin. Mentre il tortino si trasforma e diventa tale, ballo sulle note del grande Marco Faraone.
Karolina è a casa e corre a farsi un bel bagno caldo mentre io preparo i piatti per mangiare. Una bottiglia di Frascati Superiore accompagna la cenetta. Mangio 4 fette e mi scende subito la cataratta. Sono le 23 e ho voglia di andare a letto. Dormo felice. Sogno un mio gol decisivo per il passaggio del turno, dalla distanza siderale, contro il SV Stern Britz.

Il tortino serale si presta come perfetta colazione prepartita. Mi porto una bottiglia d'acqua, una mela e del cioccolato amaro. Alla stazione del treno di Charlottenburg sembra di stare alla stazione di Tokyo. Tantissimi giapponesi che devono prendere lo stesso treno e scendere alla stessa stazione insieme a me. Loro vanno all'Ifa mentre io a giocare il primo turno di coppa. Strani paralleli penso. Una pioggia londinese mi accompagna fino al campo di gioco. Oggi sará un match all'inglese viste le condizioni meteorologiche.

Siamo tutti puntuali in cabina e questa é cosa che capita di rado. Il nostro tecnico Jumbo si congratula per la puntualitá svizzera della squadra e ci da le disposizioni tattiche.

Al campo la pioggia e sempre piú fitta e ringrazio iddio di essermi portato la giacca a vento per la preparazione alla partita. Facciamo una partita 6 contro 6 a porticine per tenerci in caldo, poi qualche scatto ed un poco di stretching. Qualche tiro a Klaus, che oggi sostituisce Jumbo in porta.
Gli avversari del Britz sono fisicamente molto prestanti e danno l'impressione di sapere il fatto loro.

Ho sete. Ringrazio Klaus per aver portato ancora una volta una scorta d'acqua per tutta la truppa e corro verso le bottigliette sistemate sulla linea laterale all'altezza del centrocampo.

L'arbitro fischia l'inizio. Loro agiscono con una manovra avvolgente con improvvisi lanci in verticale per i due attaccanti che sono sempre in movimento e mettono a dura prove Fux e me che dobbiamo marcarli. Per fortuna Mogli, il nostro libero, risolve con mestiere le situazioni piú ingarbugliate. La nostra manovra è contraddistinta da troppi errori di misura, nella fase di manovra di centrocampo, il che consente agli avversari di riconquistare troppo facilmente il possesso della sfera. Siamo poco combattivi a centrocampo e a sinistra si aprono delle praterie che ci mettono troppo spesso in difficoltá e mi costringono a raddoppi di marcatura azzardati, corredati da qualche scivolata al limite del consentito per frenare la veloce ala destra avversaria.
L'arbitro arbitra all'inglese e tollera qualche mia piccola scorrettezza che mi facilita il lavoro difensivo.
All'improvviso su un capovolgimento di fronte e dopo una azione rocambolesca troviamo il gol con Vincenzo Rosso.

Vincenzo lo conosco dal 2006. È stato uno dei primi clienti ed amici della Pizzeria Gusto Giusto, locale che ho gestito insieme ad un socio per tre anni prima di aprire il mio caffè. Fu il primo a parlarmi della sua esperienza allo Sport club Charlottenbrg. Vincenzo è sempre stato un'ospite molto cordiale e fece tanta pubblicitá nel quartiere quando imparó a conoscerci. É un piacere poterci giocare finalmente insieme.

Piove che Dio la manda! Il Britz ci schiaccia nella nostra area. Sulle conseguenze di un calcio di punizione prendiamo un gol evitabilissimo.

Il primo tempo si conclude malinconicamente sull' uno a uno.

Nello spogliatoio tanti capi chini. I più sanno che avrebbero dovuto dare di più in campo contro un'avversario cosí scorbutico. Jumbo usa poche parole per descrivere il misero primo tempo da noi giocato . Ci incita a combattere su ogni pallone. Sempre troppi capi chini. Non ho delle buone sensazioni.

La ripresa parte male per noi. I centrocampisti si fanno schiacciare da quelli avversari. Il gol è nell'aria e arriva sulla perdita di un addomesticabile pallone sulla linea mediana che scatena gli avversari in un rapido contropiede concluso da un sinistro preciso nella nostra porta, fino a quel momento, ben difesa dal bravo Klaus.

Il gol non ci abbatte e in un minuto riconquistiamo il pareggio grazie ad una precisa combinazione tra la gazzella Otu e l'elegantissimo Ole che conclude in maniera vincente dai 15 metri sul portiere in uscita.

Il finale é da dimenticare. Il Britz ci punisce nuovamente in contropiede su un ennessimo errore del centrocampo.

Quando mancano cinque minuti alla fine della partita decido di aiutare la squadra nella fase offensiva. Su un lungo lancio anticpo di testa l'attaccante. Il pallone bagnato è pesantissimo e il mio colpo di testa si impenna a campanile fino alla linea di centrocampo dove il nostro capitano la addomestica con uno stop dei suoi. Cede la palla a Seba che dopo un dribbling secco si accorge che ho proseguito la mia corsa dopo l'inerventento difensivo e mi lancia in profonditá fino all'angolo sinistro dell'area di rigore. La palla mi giunge pulita e rasotterra. Con la coda dell'occhio vedo Vincenzo che corre affiancato da un difensore verso la porta. Senza guardare crosso rasoterra  di sinistro ma forse il mio passaggio è troppo fiacco ed il difensore puó chiudere in angolo.

Nel finale subiamo il quarto e definitivo colpo del K.O.

4 a 2 e torniamo negli spogliatoi con le pive nel sacco.

Ho poca voglia di restare troppo a lungo negli spogliatoi.
Mi spoglio in fretta della mia divisa. Saluto la truppa  e mi dirigo affamato verso il treno. Scelgo il Mc Donalds sulla Kantstraße per consolarmi un poco. Piove ancora. Senza pausa. Arrivo a casa e solo l'idea di dover fare le pulizie al locale mi rattrista ancora di piú. Ho voglia di parlare con mio papá Walter tramite Skype a Roma.Ci riesco e l'umore e subito molto migliore. È tempo di fare le pulizie e di affrontare un'altra settimana di lavoro da Caffè e Panini pensando al campionato che inizia la settimana prossima sul nostro campo contro gli Spandauer Kickers.
Scc che passione!


 


Nessun commento:

Posta un commento